Il tempio malatestiano

  • Home
  • /
  • Il tempio malatestiano

Il tempio malatestiano

Via IV Novembre. È un’intensa storia d’amore quella che racconta il Tempio Malatestiano (1450), capolavoro del Rinascimento italiano.
L’amore è quello fra Sigismondo e la sua giovanissima amante diventata poi la terza e ultima moglie Isotta Degli Atti.
Sigismondo fece realizzare quest’opera (prima rimaneggiando, poi demolendo una chiesa francescana) con l’idea che dovesse diventare un mausoleo per sé e per Isotta.
Candido e ieratico con la facciata di marmo, firmata da un gigante della storia dell’architettura, Leon Battista Alberti, il Tempio Malatestiano contiene una serie di cappelle e di tesori: un Crocefisso di Giotto, un affresco di Piero della Francesca, i preziosi bassorilievi degli angeli che suonano su sfondo blu.
La particolarità del Tempio Malatestiano è che per la prima volta, in piena filosofia rinascimentale, non si celebra solo Dio, ma piuttosto un uomo, Sigismondo.
Un uomo che però cadde in disgrazia, il suo sogno, non fu mai concluso.
Ma è un incompiuto splendido. Il Tempio Malatestiano, Duomo di Rimini, si può raggiungere facilmente con l'autobus n°11. La fermata dell'autobus si trova a 100 metri dall'Hotel Monica, mentre la fermata più vicina al Duomo è il capolinea.